Follow by Email

lundi 16 juillet 2018

Consigna de lectura, meditación y acción para la Conferencia Episcopal Argentina: "Casti Connubi", de su Santidad el Papa Pio XI

"Pero hace falta aún, Venerables Hermanos, mencionar otro CRIMEN EXTREMADAMENTE GRAVE por el cual se atenta contra la vida del niño aún escondido en el vientre de su madre" (II, 2° Contra los niños).

dimanche 15 juillet 2018

AQUELARRE ECO-BERGOGLISTA (mundialista y abortista) | CATAPULTA

messeendirect.net

TUTTI AL MARE…LI COMUNICHEREMO SUL BAGNASCIUGA. ANZI SULLA BATTIGIA. UNA MESSA CON I PIEDI A MOLLO

http://www.marcotosatti.com/2018/07/14/tutti-al-mare-li-comunicheremo-sul-bagnasciuga-anzi-sulla-battigia-una-messa-con-i-piedi-a-mollo/

TUTTI AL MARE…LI COMUNICHEREMO SUL BAGNASCIUGA. ANZI SULLA BATTIGIA. UNA MESSA CON I PIEDI A MOLLO. : STILUM CURIAE

TUTTI AL MARE…LI COMUNICHEREMO SUL BAGNASCIUGA. ANZI SULLA BATTIGIA. UNA MESSA CON I PIEDI A MOLLO.

14 luglio 2018 Pubblicato da wp_7512482 --

Marco Tosatti

 

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, un paio di amici nelle ultime ore mi hanno inviato questo video. Rappresenta don Fabio, della diocesi di Bari-Bitonto che celebra una messa sulla riva del mare. Di fronte a un gruppo di ragazzi.

 

Ed ecco il momento della comunione:

Abbiamo assistito a tante innovazioni, in questi anni, ma a una messa sul bagnasciuga, come diceva il buon'anima, no. Certo, non mi sembra che l'atteggiamento del popolo di Dio sia molto solenne e compreso della gravità del momento…ma sono ragazzi.







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su "La Stampa".  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L'articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti "scomodi" in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.




LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Categoria: Generale

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

Ver “Homilía 15 de julio de 2018”, Padre Alfonso Gálvez

Ver "Homilía 15 de julio de 2018" en Vimeo: https://vimeo.com/280047969?ref=em-share

samedi 14 juillet 2018

Walking Dead Edition!

Your Catholic Week in Review (Walking Dead Edition!)

They're baaaaack!

This whole "deaconness" thing isn't going away.  No sooner do we complete a campaign on this issue, thinking the matter will take a rest, then it pops up again somewhere else.

To wit, a "non-binding" but Vatican hosted document entitled "An Agreed Statement of The Third Anglican-Roman Catholic International Commission" is revisiting the role of deaconnesses in the Church, with novelties that are barely a year old...

While the Commission recognizes that some decisions regarding ministry made by provinces of the Anglican Communion are not open to the Roman Catholic community, others potentially are, e.g. a female diaconate; a fuller implementation of licensed lay pastoral assistants; the priestly ordination of mature married men (viri probati); and the authorization of lay people to preach. Given that the lay faithful already exercise their participation in the tria munera by ministering to the Christian community, there is reason to suggest an enlarged role for authorized lay ministry, including the canonical opening of the ministry of lector to women. (cf. 102)
Once again, we find ourselves presented with syncretism rather than ecumenism, and once again, the ugly Hydra of female ordination comes screaming into view and refuses to let go.  And like a thick smoke, this pollution is looking for any possible entryway to infect the purity of the Church.

And just about the same time LifeSiteNews set a spotlight on this story, the Vatican published something even more alarming.  The document, titled, "Ecclesiae Sponsae Imago," provides a new set of guidelines stating that those seeking to join the order of consecrated virgins no longer have to be virginsFrom the report:

The new Instruction for the Order of Virgins, "Ecclesiae Sponsae Imago" ("Image of  the Bride-Church"), released July 4 by the Congregation for Institutes of Consecrated Life and Societies of Apostolic Life, says the call to perpetual chastity as a consecrated woman living in the world cannot be reduced to "the symbol of physical integrity."

Therefore, the instruction continues, " ... to have kept her body in perfect continence or to have practiced the virtue of chastity in an exemplary way, while of great importance with regard to the discernment, are not essential prerequisites in the absence of which consecration is not possible" (ESI, 88).  

Nevertheless, no woman who has ever been married is permitted to join the order.

Canon lawyer Ed Peters pointed out a paradox. "Now, according to the plain terms of ESI, the Blessed Virgin Mary, archetype of virginity consecrated to God, would not be eligible for admission to the order of virgins, but Mary Magdalene, model for women who, Deo gratias, set aside a promiscuous life, would be eligible."

Given the timing, one is almost forced to ask whether these two events are linked?  Here's the thing.  Deaconnesses were never ordained (as in, receiving Holy Orders and powers from the Holy Spirit) by the early Church, so it was the title reserved for women who helped perform tasks like baptizing women by immersion where a priest or deacon could be morally compromised. 

And consecrated virgins have always been just that ... VIRGINS.  Certainly the degree of confusion opens the door to all sorts of wild possibilities, and through these cracks the smoke of Satan continues to pour into Mother Church.

Of course, we should pray daily for the reunification of the Anglican Communion and all Christians to the bosom of the Holy Catholic Church -- but as Catholics, not as Anglicans or Lutherans or any other malignancy.  Linking heresy to the Body of Christ is no different than ingesting rancid meat.  More often than not, it is spit back out. (Rev. 3:15-16)

More after the jump. . .

  
 

 
Join me every Tuesday morning at 9am EST on Mike Church's show on the Crusade Channel!  You can listen to our weekly talk by clicking here.

Amazingly enough, my talk in Albuquerque, New Mexico regarding the "closed door" on female ordination seems to be gathering more attention than I ever though it would!  

This doesn't mean that the Association for United States Catholic Priests (AUSCP) promoting this sort of heterodoxy isn't gaining steam.  Just five years ago, their number included 950 members.  Today, their ranks have swelled to approximately 1,300 members. 

Just to give you some idea of their strength, in 2013 a priest in the Archdiocese of Cincinnati -- the head of priestly formation for the diocese, no less -- issued a direct critique of AUSCP and their activities.  The campaign against this priest was so intense (going to the archbishop himself, reportedly) that the priest requested to be returned to full-time ministry.

The AUSCP may be small, but they can be extremely dangerous to faithful priests -- that is, unless our bishops are made fully aware of what the AUSCP is and what they are about. 

...which is all the more reason why boldly and fearlessly speaking truth fearlessly matters so much in dire times.

Some other headlines you may have missed:
Good news!  Lepanto has teamed up with LifeBoat Coffee who will donate 10% of every purchase to Lepanto's mission.  So if you like coffee and hate heresy?  Click below...
 

As always, please pray for the Church, for our bishops and priests, and for Lepanto's mission as we continue to unearth the truth and "restore all things to Christ." (Col. 1:20)

Christus Vincit!

Michael Hichborn
President
Lepanto Insititute
 

 

Copyright © 2018 Lepanto Institute, All rights reserved.
Our mailing address is:
Lepanto Institute
PO Box 269
Partlow, Va 22534

jeudi 12 juillet 2018

Karl Rahner e il Concilio Vaticano II

https://www.corrispondenzaromana.it/karl-rahner-e-il-concilio-vaticano-ii/

Karl Rahner e il Concilio Vaticano II - CR

(di Giovanni Tortelli) I tre migliori studi in assoluto dedicati al Concilio Vaticano II, cioè Il Concilio Vaticano II – Una storia mai scritta di Roberto de Mattei, Iota Unum di Romano Amerio e Quod et tradidi vobis di Brunero Gherardini, riconoscono tutti l'influenza negativa che Karl Rahner ebbe sull'intera dottrina formulata dal Concilio.

Un'ombra, quella del teologo tedesco, che ha continuato a pesare sull'ecclesiologia del cinquantennio postconciliare. Quando il gesuita Karl Rahner – su pressante richiesta degli ultra progressisti cardinali Frings di Colonia e König di Vienna – fu chiamato a far parte del collegio dei periti teologi conciliari, era già stato sottoposto a censura dal Sant'Uffizio a causa delle sue tesi sulla nascita «non biologicamente verginale» da Maria del Figlio di Dio, ed era stato addirittura criticato da Pio XII in un'allocuzione del novembre 1954 per essersi dichiarato favorevole alla concelebrazione eucaristica (R. de Mattei, p. 216).

Ma colui che era già in odore quanto meno di eterodossia secondo la sana dottrina, non poteva che essere apprezzato – proprio per gli stessi motivi – da tutto quel clero modernista nordeuropeo che faceva evidentemente assegnazione sul nome già illustre del Gesuita tedesco per tentare l'impresa di pareggiare i conti col Vaticano I il quale, com'è noto, aveva condensato i poteri apicali della Chiesa nelle sole mani del Romano Pontefice.

L'impresa riuscì perché Rahner, più di ogni altro componente l'Assise, ebbe una visione strategica dei lavori conciliari che gli permise di comprendere come il successo delle tesi neomoderniste e progressiste passasse in realtà attraverso un rinnovamento in senso «antropologico» dell'ecclesiologia e questo poteva avvenire solo mediante l'eliminazione tout-court della metafisica dal processo teoretico della conoscenza, cioè della «scienza delle scienze», l'unica scienza che ha i mezzi per salire verticalmente, per quanto imperfettamente, verso le verità fondamentali.

L'operazione non era semplice perché significava intervenire, per correggerlo, sul sistema dell'Aquinate, che la Chiesa aveva sempre assunto come vero nella sua integralità. È noto che il percorso teoretico di san Tommaso parte dai praeambula fidei, cioè da quei presupposti universali e necessari di ordine razionale e naturale grazie ai quali l'uomo può già ora dare il proprio ragionevole assenso alla Rivelazione.

Si tratta di verità come l'esistenza, l'unicità e l'onnipotenza di Dio che si è voluto rivelare nella storia, verità che preparano e accompagnano di pari passo la fede e la conoscenza e che possono essere raggiunte dalla ragione naturale già in questa vita. Sicché con l'Aquinate siamo di fronte a una conoscenza che ascende naturalmente alla trascendenza, in un plesso organico che costituisce l'intero sistema tomista, metafisico per eccellenza perché fondato sull'incontro fra fede e ragione.

Il processo gnoseologico, cioè conoscitivo vero e proprio, si concretizza poi per l'Aquinate come il prodotto della facoltà di astrazione che permette di elaborare i concetti partendo dai dati sensibili della realtà, e della facoltà di ricezione stabile di quei concetti da parte dell'intelletto. Si tratta di una corrispondenza metafisica ma reale e isomorfa cioè equiestesa fra intelletto conoscente e realtà che si conosce (Summa Th. I, q. 84 a. 7), così che veritas rei et veritas intellectus si corrispondono nel principio di adaequatio rei et intellectus.

L'operazione intellettualmente fraudolenta di Rahner si inserisce a questo punto, e il Gesuita la preordina in due tappe: a) con l'espunzione dei praeambula fidei dal processo tomasiano di corrispondenza biunivoca fra intelletto conoscente e realtà che si conosce, sicché la conoscenza viene a perdere ogni connotazione metafisica; b)con l'inserimento arbitrario ed illegittimo nel processo teoretico tomasiano di un meccanismo della coscienza («Vorgriff»),una specie di «Io penso in generale», che precede la conoscenza vera e propria e che la storicizza perché la condiziona ad un «esser-ci» nel mondo: infatti, l'«Io penso» che è coscienza di stare in questo mondo e che si determina in un hic et nunc finito non potrà che produrre una conoscenza finita, non più in tensione metafisica verso il soprannaturale. Punto d'arrivo sarà una verità indipendente, relativa, parziale, mai una verità assoluta perché sarà «una» verità fra le altre, sempre soggetta ai mutamenti di una coscienza in divenire.

Il risultato è che il pensiero originale ed impeccabile del Dottore Angelico viene trascinato da Rahner nella voragine delle filosofie trascendentali esistenzialiste ed antropologiche che sono connotate dalla contingenza e dalla relatività dell'«essere». San Tommaso aveva insegnato che l'essere «è la prima delle cose create», che «prima dell'essere nient'altro è stato creato» e che l'essere «è al di sopra e prima dei sensi, dell'anima, dell'intelligenza» (Super librum De causis expositio, prop. 4).

Se l'essere, che è il principio di tutte le cose, perde questi suoi primati e viene invece condizionato e storicizzato al modo rahneriano, è chiaro che tutte le cose esistenti non hanno più alcuna relazione di natura con Dio creatore ma si riversano solo e sempre nella materia. Dalla teoria alla prassi. La coscienza storicizzata e contingente è espressione di un vissuto individuale.

Non ci sarà più da stupirsi se crescerà, come è cresciuto in questo ultimo cinquantennio, il malessere circa il ruolo magisteriale della Chiesa, perché essa – seguendo l'aberrante tesi rahneriana – non sarà che una voce fra le altre voci del mondo, senza più alcun diritto di guidare e insegnare alle altre coscienze né di conservare, detenere e trasmettere il patrimonium fidei, dal momento che i sacri sigilli di questo patrimonio perenne verranno sciolti dalla forza del divenire storico.

Gherardini aveva ragione due volte: quando osservava che il principio di immanenza introdotto da Rahner era diventato l'unica forza del divenire umano, l'unico orizzonte nel quale si inseriva ogni passo avanti della scienza e della coscienza umana, eliminando il posto legittimamente occupato dalla Tradizione;e quando diceva che in tutto questo Rahner era stato "sinistramente geniale" perché «aveva ribaltato san Tommaso con san Tommaso» (Gherardini, p. 213).

Infatti, in che cosa era consistita, in fondo, l'operazione (pseudoteologica, pseudofilosofica) del Gesuita? Si era appropriato del sistema tomista eliminandone la metafisica e lo aveva rivenduto facendolo passare come semplicemente "aggiornato", cioè sottoposto ai parametri esistenzialisti e fenomenologici della cultura laica del momento, ma che ispirarono tutti i lavori conciliari i quali, sotto le mentite spoglie dell'aggiornamento, in realtà aggirarono e svuotarono la Tradizione come dei veri e propri cavalli di Troia.

Ne La svolta antropologica di Karl Rahner, anche il neotomista Cornelio Fabro stroncò senz'appello la «dottrina» del Gesuita tedesco: «Nessuna sorpresa che il risultato sia stato l'orripilante esegesi completamente a rovescio del tomismo che pretende di identificare essere e pensiero ovvero di far compiere allo stesso san Tommaso – ch'è stato e resta il massimo metafisico di tutto l'Occidente – quella destructio metaphysicae che non era riuscita neppure a Kant, e che, in un certo senso, è respinta dallo stesso Heidegger: colui che Rahner chiama suo maestro» (C. Fabro, La svolta antropologica di Karl Rahner, Rusconi 1974, p. 160).

L'ombra di Rahner di cui parlavo all'inizio aleggia ancor oggi, e forse più pericolosamente di ieri, per la rinnovata aggressione dei neomodernisti contro l'intangibilità del dogma, cioè contro l'essenza della Chiesa in quanto Chiesa.

Il discorso al riguardo potrebbe qui proseguire per altri versanti e con altre lunghe riflessioni, mi limito perciò a concludere con le parole di Romano Amerio valide per il Rahner di ieri e per la sua sinistra ombra sull'oggi: «[La Chiesa] si perde non in quanto le umane difficoltà la mettono in contraddizione (questa contraddizione è inerente allo stato peregrinale), ma solo quando la corruzione pratica si alza tanto da intaccare il dogma e da formulare in proposizioni teoretiche le depravazioni che si trovano nella vita» (R. Amerio, p. 28).

Parole che segnano il dogma come il livello di guardia entro il quale i mutamenti della Chiesa in divenire nella storia rientrano in una normalità fisiologica; oltre il quale – cioè col suo superamento in prospettiva di ermeneutica evolutiva – si andrebbe ad intaccare l'essenza stessa della Divina Istituzione.

Rahner, per quanto abbia sfiorato a varie riprese tale livello di guardia, con la sua esegesi ha indubbiamente indicato la via per superarlo: eliminazione della metafisica, interpolazione delle fonti autentiche, oblio della Tradizione. (Giovanni Tortelli)

A proposito di “Rivelazionismo”

https://www.corrispondenzaromana.it/a-proposito-di-rivelazionismo/

A proposito di "Rivelazionismo" - CR

(di Roberto de Mattei) Con il termine rivelazionismo si suole indicare la confidenza disordinata che alcune anime pongono nelle rivelazioni private (e più in generale nei fenomeni mistici straordinari) e la conseguente ricerca irrazionale di esse. Non ci riferiamo naturalmente alle rivelazioni di carattere pubblico comprovate da miracoli e approvate dalla Chiesa.

Ma al di là del giudizio tra vere e false rivelazioni, che spetta solo alla Chiesa, ciò contro cui vogliamo mettere in guardia è la ricerca smodata di rivelazioni, quale scorciatoia "mistica", per evitare lo sforzo ascetico della ragione e della volontà, oggi più che mai necessario all'anima per rimanere fedele alla Tradizione della Chiesa. Nessuno – per quanto ci risulta – ha trattato con maggior perizia l'argomento quanto S. Giovanni delle Croce, il dottore mistico per antonomasia.

Alla sua scuola ci si abbevera di una dottrina solidissima, che non indulge a sentimentalismi vani e che, invece, ricentra il cammino spirituale sulla vita teologale, dalla quale solo sgorga la santità.

Nella sua opera Salita al Monte Carmelo, il grande Carmelitano dedica un lungo capitolo (lib 2, cap. 22) a sciogliere un dubbio: se, cioè, dopo la venuta di Cristo e l'instaurazione della legge della grazia, sia lecito consultare il Signore per via soprannaturale, come si faceva sotto la legge antica. Nel capitolo precedente aveva già dimostrato non essere volontà di Dio che le anime desiderino ricevere locuzioni, visioni e quant'altro attiene al meraviglioso e allo straordinario.

«Questo modo di fare (la ricerca del meraviglioso) – scrive il Dottore mistico – non è buono né piace a Dio, anzi lo disgusta; spesso, addirittura, Egli si adira e si offende molto. Questo perché nessuna creatura deve uscire dai limiti naturali che Dio le ha fissato come norma. All'uomo ha dato mezzi naturali e razionali: non gli è quindi lecito superarli. Indagare o cercare di conoscere certe cose per via soprannaturale significa uscire dalle leggi naturali. Di conseguenza, ciò non è lecito e a Dio non piace. Anzi, Egli si offende, poiché si tratta di cose illecite».

E prosegue asserendo essere molto pericoloso per un'anima desiderare conoscenze per via soprannaturale. «Non vedo, infatti, come l'anima che le pretende non pecchi almeno venialmente… Lo stesso vale per il direttore che la guidasse in questo senso o consentisse a questo suo modo di fare. Non c'è, infatti, alcun bisogno di comportarsi così». E ne spiega la causa: «Abbiamo la ragione naturale, la legge e la dottrina evangelica, secondo le quali ci si può sufficientemente regolare; non c'è difficoltà o necessità che non si possa risolvere e rimediare con questi mezzi graditi a Dio e vantaggiosi per le anime. Dobbiamo, anzi, ricorrere alla ragione e alla dottrina evangelica sempre e in modo tale che, se ci venissero comunicate alcune cose soprannaturali dietro nostra richiesta oppure indipendentemente dalla nostra volontà, dovremmo accogliere soltanto quelle che sono perfettamente conformi alla ragione e al dettato evangelico. In questo caso dovremmo accogliere tali cose non perché sono una rivelazione, ma perché conformi alla ragione, lasciando perdere ogni riferimento alla rivelazione (privata)Ma anche in questi casi dovremmo considerare ed esaminare il fatto molto più attentamente che se non vi fosse stata rivelazione alcuna, perché il demonio insinua molte cose vere, cose che accadranno e del tutto conformi alla ragione, ma lo fa solo per ingannare».

E conclude: «Dico che è pericoloso, molto più di quanto sappia esprimermi, voler trattare con Dio per tali vie. Chi si basa su questi mezzi certamente cadrà in gravi errori e spesso in una grande confusione». E ciò soprattutto per le insidie che il demonio può tendere – e difatti tende – a queste anime così disordinatamente inclini al meraviglioso. «Il demonio è abilissimo nell'insinuare menzogne, da cui è possibile liberarsi solo rifuggendo da tutte le rivelazioni, visioni e locuzioni soprannaturali. Per questo giustamente Dio si adira con chi le ammette, perché vede che la temerarietà di mettersi in simili pericoli è presunzione, curiosità, motivo di superbia e fonte di vanagloria, disprezzo delle cose di Dio e principio di molti mali in cui tanti sono caduti. Costoro irritano talmente Dio che Egli li lascia volutamente cadere nell'errore, nell'inganno e nell'accecamento dello spirito. Permette, altresì, che abbandonino le regole ordinarie della vita, per consegnarsi ai loro capricci».

Ciò premesso, nel capitolo seguente della Salita (22), S. Giovanni della Croce dimostra la ragione per cui voler consultare Dio per via soprannaturale è cosa assolutamente temeraria. «Ora che la fede è fondata in Cristo e la legge evangelica è promulgata in quest'era di grazia – scrive –, non c'è più motivo d'interrogare Dio come prima, perché parli o risponda come faceva allora. Avendoci, infatti, donato suo Figlio, che è l'unica sua Parola, Egli non ha altra parola da darci. Ci ha detto tutto in una volta e una volta per sempre in questa sola Parola, e non ha altro da aggiungere».

È proprio dalla centralità e unicità di Gesù Cristo che scaturisce la temerarietà di chi cerca comunicazioni divine per altre vie. «Chi ora volesse interrogare Dio o chiedergli qualche visione o rivelazione, non solo farebbe una sciocchezza, ma anche offenderebbe Dio, perché non fisserebbe gli occhi unicamente su Cristo senza cercare altre cose o novità».

E immagina ciò che Dio risponderebbe ad un'anima così temeraria: «Se ti ho già detto tutto nella mia Parola, che è mio Figlio, non ho altro da aggiungere. Cosa ti potrei rispondere o rivelare di più? Fissa il tuo sguardo unicamente su di Lui, perché in Lui ti ho detto e rivelato tutto e troverai in Lui anche più di ciò che chiedi e desideri. Tu domandi locuzioni e rivelazioni particolari, mentre, se tu fissi gli occhi su di Lui, vi troverai l'intera Rivelazione, perché Egli è tutta la mia parola, tutta la mia risposta, tutta la mia visione e tutta la mia rivelazione.[…]» E conclude: «Non desidererai, quindi, né chiederai rivelazioni o visioni da parte mia. Guarda bene a Lui e saprai che in Lui ho fatto e detto molto più di quanto mi domandi».

Nel caso poi di anime realmente favorite di doni straordinari, ecco ciò che S. Giovanni della Croce raccomanda ai direttori spirituali: essi «le guideranno nella via della fede, insegnando loro semplicemente a distogliere lo sguardo da questi fenomeni. Mostreranno loro quanto sia necessario liberare da essi i sensi e lo spirito onde poter meglio andare avanti. Facciano loro comprendere che agli occhi di Dio è più preziosa un'opera o un atto di volontà, fatto per amore, che tutte le visioni, rivelazioni e comunicazioni celesti che possano avere, perché queste non costituiscono né un merito né un demerito; molte altre anime, che non hanno questi fenomeni, progrediscono assai più di quelle che ne sono abbondantemente favorite».

Ciò premesso, giova riportare qualche esempio dell'inganno che può nascondersi nei fenomeni mistici straordinari e di quanto sia difficile operare il cosiddetto "discernimento degli spiriti", ossia la verifica della soprannaturalità di tali fenomeni. Nella "Vita" di S. Teresa d'Avila si riporta il caso di una religiosa, Sr. Maddalena della Croce, tristemente celebre fra tutte le visionarie del tempo, la quale, nel XVI secolo, meravigliò la Spagna con prodigi, profezie e responsi in ogni genere di scienza per ben 38 anni, ingannando i più grandi teologi, vescovi e cardinali del tempo.

Ma l'infelice monaca era sventuratamente in segreto commercio con il demonio e, benché ebbe infine la grazia di ravvedersi, venne allontanata dal monastero e finì i suoi giorni nell'oscurità. Ancora più significativo è il caso di Nicole Tavernier che, a Parigi, sempre nel XVI secolo, «aveva reputazione di essere una santa e di operare miracoli», secondo un suo biografo. «Era capace di prevedere il futuro ed aveva visioni e rivelazioni. Digiunava spesso e parlava senza posa della necessità di fare penitenza per uscire dalle condizioni in cui (Parigi allora) si trovava. Ella annunciava che, se ci si fosse pentiti dei propri peccati, si sarebbe vista la fine delle calamità pubbliche. Dietro suo incitamento la gente si confessava e comunicava. In diverse città della Francia si ordinarono persino delle processioni. Ed ella stessa ne fece fare una a Parigi alla quale assistette il Parlamento accompagnato dalla corte e da un gran numero di cittadini. Fu smascherata solo dalla Beata Acarie, che dimostrò come, quanto si vedeva in Nicole Tavernier, fosse opera del demonio il quale sapeva perdere un po', per guadagnare molto».

Con ciò non si vuole negare l'esistenza dei fenomeni mistici straordinari nella Chiesa, cosa che non potrebbe farsi senza cadere nel razionalismo o nell'agnosticismo. Al contrario, sappiamo bene che il Signore Gesù ha lasciato alla sua Chiesa non solo una gerarchia istituzionale ma anche i carismi, a cui quei fenomeni appartengono. Questi però sono sempre subordinati e sottomessi a quella. «La nozione cattolica di Chiesa non esclude le rivelazioni private – scriveva padre Calmel –, ma domanda che non siano illusione private, e poi che queste rivelazioni siano in accordo con la Rivelazione». Senza negare l'esistenza dei carismi, ma rigorosamente disciplinandoli, la Chiesa ha sempre messo al di sopra dei carismi la vita teologale e la santità. I santi cosiddetti "straordinari", la cui vita però era centrata sulla perfezione della carità e non sul meraviglioso, sono la dimostrazione più eloquente di questo principio.

Nel tempo di crisi della fede e dell'autorità in cui viviamo, molte anime cercano nel campo della mistica ciò che dovrebbe loro venire dalla gerarchia: l'insegnamento della verità oggettiva ed una via sicura per il Cielo. Però la soluzione della crisi non sta nel miracoloso e nello straordinario ma nella vita teologale, fondata sui sacramenti tradizionali, il catechismo e la pratica delle virtù.

Gettarsi senza criterio nel campo del meraviglioso comporta dei pericoli, come abbiamo visto, inimmaginabili: il rimedio potrebbe essere assai peggiore del male. In realtà, se viviamo una crisi di fede è innanzitutto nella fede che bisogna trovare la soluzione alla crisi. (Roberto de Mattei)

Ensemble, agissons pour sauver Vincent Lambert !

DONNEZ MAINTENANT

Chers amis,

Vincent Lambert est vivant ! Il vous le doit en grande partie parce que vous avez apporté les moyens de le défendre en soutenant notamment l'appel de la Fondation Jérôme Lejeune dès juin 2015.

 

VINCENT LAMBERT EST EN VIE !

Malgré l'absence de traitements adaptés à son état depuis plus de cinq ans, enfermé à clé dans une chambre d'hôpital, autorisé à ne recevoir les visites de ses parents qu'avec des horaires réduits, ne bénéficiant pas de tous les soins propres à son état tels qu'une rééducation à la déglutition, une stimulation constante ou des soins de kinésithérapie.

Vincent est en vie ! Vous l'avez aidé à « tenir » malgré les trois tentatives d'euthanasie dont il a été déjà l'objet (la quatrième en cours est bloquée par les recours actuels).

Vous avez ainsi aidé ses parents, son frère et sa sœur, qui s'opposent à l'arrêt de son alimentation et de son hydratation entérales, à contester les différentes voix officielles « autorisées » qui concluaient qu'il fallait mettre un terme à sa vie au prétexte qu'elle n'était pas digne. Vous les avez aidés à convaincre de nombreux médecins sur la réalité de sa situation et à trouver de nombreux alliés parmi les associations de familles de traumatisés crâniens et parmi les médecins spécialisés.

 - - - - - - - - - - 

PRIVÉ DE NOURRITURE PENDANT 31 JOURS...

La trajectoire judiciaire, politique, médiatique, médicale a connu de nombreuses péripéties. Privé de nourriture pendant 31 jours, Vincent aurait dû mourir en mai 2013. Mais il s'est battu et force est de constater que le clan des pros-euthanasie n'a pas gagné et que la résistance à laquelle vous participez se montre efficace.

J'en donne pour exemples récents la tribune publiée en avril dernier des 70 médecins et personnels de santé spécialistes pour dire que Vincent Lambert est bien vivant et doit bénéficier de soins adaptés, ou l'avis des experts désignés par le tribunal pour se prononcer sur l'état de Vincent, s'estimant incompétents et recommandant de le transférer dans un centre adapté.  C'est ce que demandent les avocats des parents depuis plus de cinq ans.

LA PROCÉDURE N'EST PAS TERMINÉE !

DONNEZ MAINTENANT

VICTIME D'UN ACHARNEMENT EUTHANASIQUE !

Trois nouveaux experts, viennent d'être nommés par le tribunal avec cette fois-ci un délai de quatre mois pour se prononcer. La situation de Vincent est pourtant simple et n'a pas changé.

Il n'est pas en fin de vie. Il n'est pas malade ! Il bouge, il tourne la tête, il regarde, il ne souffre pas. Il respire normalement. Il a une activité cérébrale même réduite. Et depuis 2015, il a retrouvé un réflexe de déglutition qui aurait dû justifier une rééducation à remanger par la bouche ! Il n'est pas victime d'un acharnement thérapeutique mais d'un acharnement euthanasique.  

Ensemble avec la Fondation Lejeune, vous vous êtes mobilisés pour le sauver. Concrètement, la Fondation est engagée auprès des parents, les soutenant humainement dans ce combat disproportionné. Elle a créé un comité de soutien, lancé une pétition de 100 000 personnes, financé les procédures, frais et honoraires des cinq avocats, contribué à sensibiliser le public.

  - - - - - - - - - - 

Grâce à vos dons, la Fondation dès 2015 a pu apporter le soutien financier indispensable aux parents de Vincent qui ne peuvent pas assumer les charges judiciaires très lourdes.

Mais il reste encore du chemin à parcourir pour que les tribunaux admettent que Vincent n'est pas dans une situation d'acharnement thérapeutique, et décident que Vincent soit enfin transféré dans un établissement adapté. La procédure n'est pas terminée !

C'est pourquoi, j'en appelle une nouvelle fois à votre générosité. Aidez-nous à soutenir  la cause de Vincent et de toutes les personnes handicapées, menacées d'euthanasie.

La Fondation Jérôme Lejeune sait agir efficacement grâce à votre soutien. Continuons de nous battre pour la justice.

 

Jean-Marie Le Méné,

Président de la Fondation Jérôme Lejeune

Pour sauver Vincent Lambert

DONNEZ MAINTENANT

Más vale tarde que nunca

http://caminante-wanderer.blogspot.com/2018/07/mas-vale-tarde-que-nunca.html?m=1

The Wanderer: Más vale tarde que nunca
Sorprendentemente, los obispos argentinos han comenzado a pronunciarse con claridad contra el aborto luego de que el proyecto de ley fuera aprobado en Diputados y comience su discusión en el Senado. 

El arzobispo de San Miguel de Tucumán, en el Te Deum al que el presidente Macri prefirió no asistir, aunque era su deber, que "el aborto es la muerte de un inocente"; el presidente de la Conferencia Episcopal Argentina, en la misa convocada en la basílica de Nuestra Señora de Luján, que "el aborto no es un derecho sino un drama", e incluso nuestro amigos Mons. Tucho Fernández, en el Te Deum del 9 de julio: "Si el presidente Macri tiene una profunda convicción sobre el tema, que vete la ley como hizo el presidente uruguayo Tabaré Vázquez". 
No han dicho ninguna novedad ni han defendido la divinidad de Nuestro Señor. Han afirmado, para seguir con la expresión chestertoniana, que el pasto es verde y no es azul. Pero eso ya es mucho, muchísimo, para los obispos argentinos. Más vale tarde que nunca. Es una buena noticia. Pero todos nos preguntamos por qué ahora, por qué no tuvieron la misma actitud cuando apenas se insinuó la posibilidad que esta ley podría ser aprobada. Sin ánimo de hacer un análisis exhaustivo para el que no estoy capacitado, propongo algunas reflexiones.
1. Una primer motivo tanto de la actitud anterior como del cambio hacia la actual, viene del sometimiento, que no obediencia, que tiene el episcopado argentino hacia el Papa Francisco. Recibe órdenes directas de él y le obedecen sin chistar, so pena de ser misericordiados o humillados, como sucedió con Mons. Aguer. El primer responsable del fracaso en Diputados es Bergoglio.
2. Hay cuestiones de fondo y cuestiones estratégicas. Si vamos a las de fondo, es claro que los obispos son liberales. Se han tragado con papel celofán incluido el cuento de la democracia y sus bondades. La mayoría no son capaces de ver lo que ésta verdaderamente significa, y los que algo vislumbran se quedan callados. Aceptar la democracia liberal como sistema válido de gobierno implica necesariamente aceptar que todo -TODO- sea debatido. O más bien, que casi todo sea debatido, puesto que los derechos humanos exclusivos para la izquierda revolucionaria de los '70 no se discute, y no se discute tampoco la culpabilidad de todos los militares de esa época, y no se discute que dos personas del mismo sexo pueda casarse, y otras progresividades por el estilo. Aquí estuvo el primer error: no oponerse decididamente al debate parlamentario sobre el aborto. Más aún, en propiciar y apoyar el debate. El 28 de febrero de este año, la Comisión Ejecutiva de la CEA emitía un en el que decía: "Que este debate nos encuentre preparados para un diálogo sincero y profundo que pueda responder a este drama, escuchar las distintas voces y las legítimas preocupaciones que atraviesan quienes no saben cómo actuar, sin descalificaciones, violencia o agresión. Junto con todos los hombres y mujeres que descubren la vida como un don, los cristianos también queremos aportar nuestra voz, no para imponer una concepción religiosa sino a partir de nuestras convicciones razonables y humanas". Craso error. Sobre la verdura del pasto no caben diálogos sinceros ni profundos ni los cristianos tienen nada que decir: ya está todo dicho. El pasto es verde. Eso no se discute. 
3. Otro problema de fondo es el sentimiento vergonzante que habita escondido en el pecho de nuestros obispos: tienen vergüenza de ser cristianos y adalides de una religión que, en un siglo de tantos progresos científicos y humanos, todavía proclame que un predicador judío ajusticiado en una cruz hace veinte siglos es el Hijo de Dios, que unas simples palabras dichas por un sacerdote transforman milagrosamente el pan y el vino en el Cuerpo y la Sangre de ese mismo predicador, que las mujeres están impedidas por disposición divina de pronunciar esas palabras, que la sexualidad se orienta primariamente a la procreación y no al placer, y otras antiguallas por el estilo. Este sentimiento de inferioridad los lleva a comportarse como mansas ovejitas y los fuerza a convencerse que los lobos que tienen enfrente no son lobos sino juguetones perritos lanudos. No osan poner en duda el principio por el cual, desde el Vaticano II, los cristianos podemos comulgar sin ningún escrúpulo con los ideales de la humanidad de nuestro tiempo aunque, en apariencia, sean peligrosas para la fe. Nuestros obispos se olvidan que, si bien el evangelio es la salvación del mundo, no se trata sin embargo de un agradable licor que lo hace entrar en calor a través de una borrachera dulce y gozosa. Se trata de un remedio terrible. Cuando el mundo lo gusta, dice como los hijos de los profetas a Elías: "Hombre, la muerte está en la bebida". Para el mundo, como para Dios, la encarnación es la cruz. El evangelio debe despertar en el mundo una hostilidad que estaba latente, y que será llevada a su paroxismo. Por eso, lo que espera a los apóstoles que predican el evangelio no es la conversión del mundo, sino el odio del mundo. Les aguarda la enemistad del mundo y al mismo tiempo, la victoria sobre el mundo. 
4. Nuestros obispos y muchos católicos de hoy no pueden soportar la idea de tener enemigos. Ellos quieren estar en contra de todo lo que está contra algo, y estar a favor de todo lo que está a favor de algo. "No estamos en contra de nadie", es su frase favorita. Nadie marchaba en contra del aborto; todos marchaban a favor de la vida. Peor aún, las demostraciones "a favor de la vida" eran una fiesta, con música mundana, hurras y una muestra de desconcertante alegría. Todos los hombres son buenos. Malinterpretamos a los abortistas; incluso el más acérrimo ateo, es más cristiano que nosotros mismos. Es cuestión de hacérselo ver. Pero lo cierto es que los adversarios desprecian al que cede continuamente el terreno. Los obispos "amigos de todo el mundo", siempre con su sombrero en la mano saludando simpáticamente a todos, se sienten rodeados, sin comprender bien el porqué, de una indiferencia glacial. Todo lo que obtienen sus declaraciones de humilde devoción y de respetuosa admiración por el mundo, es una condescendencia desdeñosa. Nunca sabremos si son conscientes de ella, debido a su perpetuo complejo de inferioridad.

5. Junto a estos errores de fondo, aparecieron también varios errores de estrategia. El primero es que se creyeron el camelo de que el presidente Macri y su jefe de gabinete Peña estaban real y convencidamente contra del aborto y que la habilitación del debate era solamente una picardía política destinada a distraer a la opinión pública mientras se atravesaba una situación económica difícil; que los números en diputados sobraban para rechazar la ley y, de última, si las papas quemaban, el ejecutivo se jugaría para que la ley no afuera aprobada. Esta ficción es la misma que la semana pasada la mesiánica diputada Elisa Carrió. ¡Pobre Macri! Fue un ingenuo; lo engañaron. Si así fuera, le resultaría muy fácil al presidente de la nación hacer lo que hizo su colega uruguayo: vetar la ley en caso que sea aprobada. Se lo dijo bien claro el 9 de julio Mons. Tucho Fernández. Pero su lenguaraz ya salió a repetir por enésima vez que eso no ocurrirá: Macri respetará el sano juego democrático aunque vaya contra sus convicciones personales. ¡Qué ejemplo de virtud! Es probable que Macri no sea favorable al aborto, pero le importan mucho más otras cosas. La discusión que aparece en la superficie esconde intereses mucho más profundos como queda bien explicado en .
6. El mismo afán que muestra el papa Francisco por evitar las peleas con el mundo progresista -con el otro se pela sin problemas-, impulsó a los obispos argentinos a dejar la pelea contra el aborto en manos de los laicos, puesto que se trata de una cuestión de ley natural. Ellos se limitaron a aparecer el Domingo de Ramos con cartelitos que en los que proclamaban su opción por "las dos vidas". Y es verdad que el aborto es una cuestión que atañe a la ley natural, pero hay algo mucho más profundo y religioso; hay algo satánico en el aborto, como bien en este blog hace algunos meses. Nuevamente se trata del sentimiento de inferioridad que les impide decir las cosas como son: el aborto es un pecado abominable, particularmente diabólico, y quienes los propician pecan gravísimamente. No significa esto que los laicos no debían hacer su parte, como la hicieron. El problema es que los obispos, por estrategia, no hicieron la suya, y así nos fue.
7. La saludable reacción de nuestros obispos que estamos observando derivará indefectiblemente en pegar la ley del aborto a las maldades del gobierno neoliberal de Macri. No es cuestión de negar la responsabilidad que tiene este nuevo rico que llegó a la más alta magistratura del país. Seguramente es un apóstata de la fe y muy probablemente sea un comprometido masón. Pero el problema no es de Macri sino, una vez más, del sistema democrático. Los peronistas hubiesen hecho lo mismo. Y no me estoy refiriendo a la inicua equina Cristina Kirchner que anunció que votará a favor ni tampoco a su camarilla de ladrones; me refiero al peronismo clásico: uno de sus representantes más conspicuos, el senador Pichetto, : "La Iglesia debería ejercer la tolerancia porque la ley está por encima de los dogmas". Él, por cierto, votará a favor.
¿Qué puede esperarse de la votación en el Senado? Nadie lo sabe. Es verdad que haydentro de la coalición gobernante, la famosa "grieta" que cada vez se profundiza más. La vicepresidente Michetti ha dicho que no sabe cómo podrá continuar en el gobierno si la ley es aprobada. Los senadores contrarios a la ley se están moviendo y pareciera que lo están haciendo bien. Pero también en la Casa Rosada se están moviendo a pesar de su declamada prescindencia. No puede explicarse de otro modo, por ejemplo, que la senadora Gladys González, que se había manifestado contraria durante la campaña electoral, haya cambiado de postura: obediencia debida o sobre indebidos.
Nobleza obliga, los obispos argentinos nos están dando un pequeño respiro y, en algún aspecto, hemos dejado de sentirnos huérfanos. Uno se siente raro cuando experimenta esa percepción, entre racional y emotiva, de que hay un padre que nos defiende.
Aclaración necesaria: Que yo afirme que el debate parlamentario jamás debió admitirse, no significa que, cuando éste indefectiblemente se dio, haya que censurar a quienes participaron de él dando testimonio. Ya lo hablamos en estas páginas. 
Y que tenga mis diferencias en cuanto al modo inexplicablemente festivo que adquirieron las marchas contrarias al aborto, o "a favor de las dos vidas" como les gusta decir, no significa que el hecho mismo de manifestarse masivamente me haya parecido inoportuno. Ciertamente iba a ser ineficaz, como lo fue, pero había que hacerlo aunque, creo yo, debería haber adoptado otra modalidad.